Seleziona una pagina
Da cheap a chic

Da cheap a chic

Digital luxury marketing

Il lusso è da sempre sembrato un concetto complesso e ricco di sfaccettature, con innumerevoli definizioni e sfumature di significato.

Per anni, il lusso ha significato esclusività, personalizzazione, status sociale.

Nell’era digitale, questi postulati si sono stravolti e tutto è diventato accessibile a tutti.

Ecco che i brands appartenenti al mondo del luxury cambiano il proprio approccio all’utente, sviluppano una comunicazione moderna e adatta ai nuovi touchpoints messi a disposizione dal marketing mix.

Ma quali sono quelle azioni che ad oggi vengono messe in atto dagli ambassador del lusso?

Engagement senza una community non sei nessuno

La creazione di una comunità che interagisca liberamente con i tuoi contenuti, che alimenti la tua autorità e sviluppi la tua web reputation è essenziale

Personalizzazione – vogliono essere unici

Il 25% dei consumatori del mercato del lusso ricerca servizi e prodotti personalizzati prima di procedere all’acquisto.

Assistenza h24 – loro scrivono e tu rispondi

Non c’è servizio eccellente senza un assistente eccellente. I visitatori online vogliono sentirsi coccolati esattamente come all’interno di una boutique , e se a farlo è un bot, pazienza, l’importante è assolvere il compito.

L’intelligenza artificiale si è molto evoluta, e ad oggi è possibile impostare una conversazione attenta, sensibile e in linea con la ricerca del visitatore.Uno scambio di domande e risposte studiato per guidarlo passo passo nell’esperienza di acquisto.

E-commerce – vendere vendere vendere

Il canale online offre uno spazio vetrina che, se gestito consapevolmente, può creare un’esperienza davvero unica per il tuo utente/cliente.

Sorprendere il nostro visitatore sta diventando sempre più difficile, perché più esperti e pretenziosi i nostri seguaci si sono ormai abituati all’effetto “wow”. Qui si svela la creatività del reparto marketing, cosa potete fare per affermare la vostra unicità rispetto ai competitors e in che modo?

A corto di idee? Puoi contattarci qui per fare un primo brain storming😉

Cos’è il Branding e perché aiuterà il tuo business?

Cos’è il Branding e perché aiuterà il tuo business?

Capita spesso che imprese che iniziano a voler comprendere bene le regole del gioco della presenza online si trovino in difficoltà nell’utilizzo degli strumenti oggi disponibili.

A questo si aggiunge la poca propensione degli imprenditori a comprendere che i successi nelle vendite non dipendono solo dal buon prodotto e dal suo prezzo ma anche e soprattutto da quella che viene definita “identità di marca” (brand identity). E da qui, l’attività atta a stimolare la visibilità e l’identità di una marca, ovvero il branding.

Cosa si intende per branding?

Protagonista del marketing l’attività di brandig si potrebbe riassumere come l’insieme delle azioni che vanno a costruire la percezione dell’utente rispetto al marchio.

Cioè? Che significa?

Significa che oggi l’aspetto percettivo e coinvolgente e quindi emotivo, è molto più trainante rispetto all’aspetto induttivo (push-marketing) nei modelli di business delle imprese. Cioè, la percezione che il consumatore ha quando sente, vede, legge dei prodotti o del marchio di una impresa e quindi ne assimila inconsciamente i valori positivi o negativi è oggi la vera spinta all’acquisto.

In che modo l’attività di branding può incrementare lo sviluppo della tua azienda?

Una strategia di branding studiata attentamente nel rispetto degli obiettivi aziendali potrà:

  • Confermare la propria autorevolezza
  • Stimolare il consumatore,coinvolgendolo emotivamente
  • Motivare l’acquirente ad acquistare facendolo innamorare del prodotto/servizio offerto. Dare perciò valore aggiunto, far comprendere che quel prodotto/servizio è la soluzione reale e unica del problema senza nessun inganno
  • Fidelizzare il cliente. 

Come poter capire se si sta facendo già una buona attività di branding?

Prova a rispondere a queste domande:

  • Il tuo marchio parla di sé?
  • Esprime in autonomia il suo posizionamento?
  • E’ chiaro a chi si rivolge e qual è il suo cliente ideale?

Se vuoi avere maggiori informazioni per come migliorare la comunicazione del tuo marchio e iniziare ad alimentare così la tua “Brand Identity” contattaci qui per riceve una consulenza gratuita.

I numeri di Google

I numeri di Google

Il primo motore al mondo di ricerca

Anche un non addetto al lavoro può facilmente immaginare come Google sia in assoluto il motore di ricerca più utilizzato, quello in grado di soddisfare ogni bisogno del cliente che è perennemente alla ricerca del significato di un termine piuttosto che del locale più trendy del momento.

A darci una risposta scientifica, però, è uno strumento molto importante come Google Trends che analizza le ricerche effettuate ogni giorno e ci riporta uno spaccato preciso e veritiero su quanto e cosa hanno cercato gli utenti online nell’anno appena finito.

Innanzitutto, è bene specificare che Google detiene l’81% delle ricerche online, un numero in continua crescita perché annualmente riesce a conquistare circa il 10% delle quote del mercato.

Ogni giorno su Google vengono effettuate circa 3.5 miliardi di ricerche: più o meno ogni utente ne effettua 1,4 al giorno a testa.

Non tutte le ricerche, però, vanno a buon fine.

Infatti, è stato stimato che il 57% delle prime ricerche online è seguito da almeno una seconda ricerca con parole chiave differenti per ottimizzare i risultati della ricerca stessa.

Di queste ricerche il 5% punta a risultati sponsorizzati mentre il restante 95% propone risultati organici, ossia spontanei e non influenzati dagli annunci sponsor.

Mediamente le ricerche su Google vengono effettuate inserendo un massimo di 3 parole, con un leggero aumento rispetto alla ricerca classica composta da due parole.

Ma quali sono le parole più ricercate su Google in questo periodo?

Ecco alcune le parole ricercate di più in Italia negli ultimi mesi:

  1. coronavirus
  2. Google classroom -sito web
  3. Virus – biologia
  4. Decreto – argomento

Google il motore Leader

Google ha sempre saputo essere al passo con i tempi, dettando mode e tendenze che gli altri hanno dovuto copiare.

È il caso, ad esempio, della ricerca vocale che è un mezzo estremamente utilizzato e che ha davvero rivoluzionato il modo di ciascuno di realizzare ricerche online.

La caratteristica di avere un algoritmo così complesso, che prende in considerazione diversi aspetti prima di dare una risposta nelle proprie ricerche, è sicuramente il sinonimo di qualità della ricerca: difficilmente inserendo le chiavi di ricerca più adatte non si riesce a trovare quello che si sta cercando.

Per questo motivo gli utenti si fidano di Google e lo premiano con la leadership nelle ricerche. E per lo stesso motivo per ogni azienda è davvero importante riuscire ad essere indicizzato dal motore di ricerca perché in caso contrario vuol dire essere tagliati fuori dal mondo del web.

Per capire come entrare da protagonista nelle pagine di Google chiedici una consulenza gratuita qui.